24 giugno 2014 ~ 2 Commenti

Esotiche preziose a Lucca.

foto BoswelliaMa quale miglior regalo ???  E chi se l’aspettava!!!  Ieri, semplice e piacevole conferenza all’ Orto botanico di Lucca (peraltro mai salito agli onori delle cronache, al contrario del più vicino Orto di Pisa, o del più lontano Orto di Padova). Ebbene, ieri ho avuto prima di tutto la graditissima presentazione del Prof. Paolo Emilio Tomei, illustre esperto di etnobotanica, ma era questo un incontro atteso, non lo vedevo ormai da molti anni, un prof. di altri tempi si direbbe, pulito, pacato, frizzante, capace come sempre di riaccendere in chi lo ascolta  anche le passioni e curiosità per le piante più sopite. Capacità non comuni. Ritrovarci dopo tanti anni è stato veramente un piacere.

E poi il regalo inatteso ! Come tornare da un Orto botanico dove le piante si ammirano, se ne ascoltano la storia, la provenienza, i costumi, se ne ascoltano le musiche, se ne percepiscono le tradizioni, dove le piante possono comunicarci la loro energia vitale fatta di colori e  di aromi, ma dove le piante non si comprano…, beh dicevo, come tornare da un Orto botanico con  una piantina  in mano ????

Ebbene è  successo ! E quale regalo più gradito !  (Eh …voi direte.. questo si è fumato il cervello. Non pensa altro che alle piante… che ci vuoi fare… si esalta per una piantina, basta andare a un vivaio e te ne compri una, basta cliccare su internet e te la portano a casa…).  Ma vuoi mettere ???

foto incenso Andare per una conferenza, a parlare di piante medicinali,  quelle cioè che costituiscono gli strumenti del tuo lavoro, e ti mettono in mano, come una cosa preziosa, una piantina di Incenso ?  Una piantina di Incenso!!! segno di sacralità, in ogni religione, anche per i non credenti i fumi di incenso hanno  un significato mistico, non tanto alla new age…. Se poi si considera che esistono pure  lavori scientifici condotti sulle proprietà dei fumi d’incenso, se poi si considera che  oggi per me la pianta dell’ Incenso è in assoluto quella più utilizzata,  se  poi si considera che ormai la utilizzo da molti anni, che ha alle spalle una tradizione  millenaria, che ha una letteratura consistente, che si accresce di anno in anno, con  studi clinici, farmacologici, di farmacocinetica, di tollerabilità, di terapia, di  prevenzione, … insomma non è certo una panacea, bensì un rimedio vegetale sicuro,  che peraltro ci consente anche di ridurre molti farmaci antiinfiammatori steroidei e  non steroidei, e di intervenire in patologie croniche, anche gravi… Solo alcuni esempi per chi non la conoscesse:

  •  chemio-prevenzione cancro del colon
  •  terapia complementare malattie infiammatorie croniche intestinali
  •  terapia antiedema in tumori cerebrali
  •  terapia di osteoartrosi, artriti croniche, tenosinoviti
  • malattie infiammatorie allergiche – autoimmuni della pelle e dei bronchi

Se poi si considera che oggi sappiamo come usare l’incenso, quali trucchi farmaceutici adottare , quali precauzioni, quanto durare nella terapia , dove sta la convenienza e i vantaggi per il paziente…

Allora ti viene proprio da dire e ridire nuovamente ma che bellissimo regalo!

Niente di più prezioso per me!!! Da tutti i punti di vista!

Forse l’altra piantina invidiabile era la Mirra, ma le piantine che ho visto ieri a Lucca  erano davvero neonate, piccolissime, farsene regalare una sarebbe stato come rubare un neonato da un incubatrice , e anche la Curcuma, ma esattamente al contrario enorme, impossibile portarsela a casa, sarebbe servita un’Ape!!!

Impossibile un regalo più gradito di una pianta di Incenso.

Se non la conoscete approfittate per studiarla.   Merita !

Se poi non avete voglia di studiare o pensate di saper già tutto su questa pianta meravigliosa, quanto meno concedetevi una visita guidata all’ Orto botanico di Luccamerita! (tanto sicuramente non ci siete mai stati!), troverete ad accogliervi la dottoressa Alessandra Sani, non solo esperta e cultrice della materia, ma anche artefice di questo piacevolissimo incontro lucchese, che ringrazio pubblicamente.

Fabio Firenzuoli

 

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali