19 gennaio 2019 ~ 0 Commenti

Erbe a tonnellate… Vigilare.

turmericNon si può proprio sentire…

Questo prodotto ? Si può prendere a tonnellate. E’ naturale… Può far solo bene, non ha effetti collaterali, e serve a tutto…

Eppure sono frasi che sentiamo  ancora oggi(!). In bocca a chi…? Poco importa. Certo invece importa, e molto, se si tratta di un professionista della salute. Quantomeno stona per il linguaggio usato, non professionale. Ma prima di tutto non è vero, e benché possa essere solo un modo di dire, in realtà genera ed alimenta la consapevolezza erronea che comunque non faccia davvero male perché è naturale. E questo è falso in assoluto: ogni sostanza, sia essa naturale, sia essa di sintesi, può fare danni, anche gravi, se usata impropriamente.

Ma soprattutto messaggi di questo tipo inducono all’abuso, soprattutto in coloro che i problemi ce li hanno davvero, cioè i malati veri, soprattutto se in terapia con altri farmaci, se non altro con l’idea di disintossicarsi…

La stessa Curcuma che qualcuno consiglia a iosa, non è sempre vero che faccia solo e sempre un gran bene, come si dice. In realtà, proprio per i suoi meccanismi d’azione può anche aumentare la tossicità di altri farmaci. E’ stato appena descritto  da ricercatori della University of Coimbra (Portogallo) un caso di epatite tossica acuta in un paziente con tumore polmonare in chemioterapia, il quale, come forma di automedicazione, aveva poi aggiunto alcuni integratori… Gli eventi tossici sono iniziati solo dopo l’introduzione dei prodotti dietetici, tra i quali l’ alga  Chlorella (trovata poi contaminata da microtossine) e 15 grammi al giorno di Curcuma longa.  E gli Autori attribuiscono proprio a queste associazioni tra erbe e farmaci l’evento tossico a carico del fegato.

E quindi, erbe a tonnellate ? Semmai, cautela a tonnellate, e soprattutto professionalità a tonnellate.

E quindi vigilate, vigilate, vigilate… anche sul professionista.

E nel dubbio di una reazione avversa ad un prodotto naturale, segnalate, segnalate, segnalate.

L’ Istituto Superiore di Sanità ha appena attivato un sistema di segnalazione online  utilizzabile da chiunque, pazienti compresi  (www.vigierbe.it) appunto per segnalare, le sospette reazioni avverse che si verificano dopo l’assunzione di integratori alimentari, gli stessi medicinali galenici, i prodotti omeopatici o a base di erbe, e comunque prodotti naturali in genere privi di Autorizzazione all’ Immissione in Commercio prevista per i medicinali. La segnalazione serve ad analizzare il fatto, cercare di stabilire il nesso di causalità con il/i prodotto/i assunti, ampliare le conoscenze e, non ultimo, fare prevenzione.

Fabio Firenzuoli

 

 

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali