15 giugno 2014 ~ 0 Commenti

La “medicina naturale” contro il cancro…

PuzzleUn convegno apposta! Sì lo abbiamo organizzato, per tutti.

Curcuma, Aloe, Graviola, Artemisia e chi più ne ha più ne metta … Erbe e cancro, o meglio erbe per pazienti oncologici… e non solo… terapie integrate a sostegno, prevenzione, integrazione delle terapie convenzionali, dall’agopuntura alle tecniche di rilassamento, dalla alimentazione prima, durante  e dopo la chemioterapia… Gli argomenti numerosi sono, una valanga di opinioni, una enormità di speranze, con alcune certezze che vengono non solo dalla ricerca applicata ma anche dalla tradizione, millenaria, di popoli vicini e lontani.

E noi, che con i pazienti oncologici ci viviamo quotidianamente, abbiamo allora pensato, voluto e organizzato un incontro scientifico sull’argomento, troppo importante per non vedersi dedicati almeno due  giorni, per fare il punto sulle attuali conoscenze scientifiche, quelle cioè analizzate con metodo scientifico, e non con metodo “alternativo”, quelle cioè viste con gli occhi della conoscenza oltre che quelli delle speranze…

Non solo, ma anche un momento di riflessione sulle prospettive di ricerca, quella pre-clinica, quella clinica, anche con studi di popolazione, studi su gli stili di vita, e all’estremo opposto tecniche che consentano invece una personalizzazione delle terapie, convenzionali e non.

Serve una integrazione ? Quando serve ? Sono interessati gli oncologici ? Gli affezionati del naturale e dell’alternativo affermano spesso senza mezzi termini che la chemio uccide, che gli oncologi e la medicina ufficiale siano asserviti a Big Pharma, che vogliono reprimere ignorandolo il mondo delle terapie naturali del cancro … Ma esiste davvero la  medicina naturale contro il cancro ? O non esistono piuttosto terapie, stili di vita, più o meno complementari, che ci possono servire invece per il paziente oncologico ? E sempre e comunque si possono o si debbono utilizzare ? Siamo sicuri che siano sicure ? Siamo sicuri di non creare danni ? Siamo sicuri che una “semplice” associazione di erbe “depurative” depurino realmente l’organismo malato sottoposto a terapie farmacologicamente pesanti come la chemioterapia ? E che non espongano a rischi ulteriori magari nascosti ? Come ad esempio le pur temibili interazioni farmacologiche ? E ancora: sono le erbe che interagiscono con i farmaci oppure il contrario ? Visto che come si sente affermare sono nate prima le erbe del farmaco … Dove sta la verità ?

E le bufale ? C’è qualcuno che si erige a salvaguardare i pazienti ? E se c’è ha gli strumenti giusti e completi per analizzare il fenomeno ?

E, per contro, siamo sicuri che sia giusto ignorare tutta la letteratura emergente che invita a considerare anche la sinergia di sostanze naturali con la chemioterapia ? Siamo sicuri che convenga ignorare anche le testimonianze di coloro che assumono tali terapie, spesso anche senza controllo medico, e dicono di trarne vantaggi ? Siamo sicuri che convenga “bannare” aprioristicamente chi si affida al fai-da-te oppure chi si affida alle “cure erboristiche”, spesso accusate di rischi intrinseci ed estrinseci ?

Non sarebbe forse meglio cercare di cominciare ad illuminare un pò le menti di ciascuno, dagli oncologi ai pazienti, dai medici “naturopati” ai naturopati, dagli erboristi ai farmacisti, a tutti i professionisti sanitari, a tutti coloro cioè che si occupano in un modo o nell’altro del paziente oncologico, …, dicevo, non sarebbe forse meglio cercare di capire ognuno nel suo spazio vitale cosa di meglio deve conoscere e deve fare per limitare i danni, e, al tempo stesso, cosa deve imparare per essere maggiormente d’aiuto al paziente stesso ?

Personalmente credo che, se una vera integrazione c’ha da essere, la si avrà in progress, nel tempo, modulando continuamente lo scenario delle nostre azioni in base all’acquisizione di conoscenze, che possono venire da ogni dove, aggiungendo tassello dopo tassello al nostro puzzle, e togliendo dallo stesso i tasselli trovati di volta in volte inadeguati, senza paraocchi, ma senza neppure ideologie, da qualunque parte esse provengano.

Ecco allora, dicevo all’inizio, che il nostro Centro ha voluto organizzare un momento di incontro scientifico su queste tematiche, e lo terremo a Firenze [che non è certo l'ombelico del mondo come invece qualcuno comincia a pensare ... :) ] il 19 e 20 giugno prossimi: una parte (giovedì 19) più tecnica e riservata agli studenti dei master e perfezionamento in fitoterapia, una parte invece (pubblica, venerdì 20 giugno), voluta per “aprire le menti” a 360 ° a tutti gli interessati, medici, oncologi, pazienti, infermieri, erboristi, farmacisti, naturopati, nutrizionisti, giornalisti, ricercatori, ecc. Integrative Oncology Today è infatti il titolo che abbiamo voluto dare al seminario pubblico che si terrà venerdì 20 giugno prossimo in Aula Magna della Presidenza di Facoltà di Medicina a Careggi, Università di Firenze.

IntegrativeOncologySi inizia alle 9.00 in punto. Gli argomenti sono molti, introduttivi sul ruolo delle piante, agopuntura e nutrizione per il paziente oncologico e le loro prospettive interessanti, ma tutti appunto introduttivi alla lettura magistrale di LORENZO COHEN.

Cohen chi ? dirà forse qualcuno … Come Cohen chi ????

Lorenzo Cohen per chi non lo sapesse  è un ricercatore di prim’ordine nel campo della Integrative Oncology a livello internazionale. E lavora a pieno titolo come Professore che dirige il Centro di Medicina Integrativa di uno dei più importanti centri oncologici del mondo… l’ MD Anderson Cancer Center di Houston, nel Texas.

Sapevatelo, direbbe qualcuno!

E non aggiungo altro…anche perchè le prediche non servono, le scomuniche non servono, le ideologie neppure, servono fatti. Lui ci parlerà di fatti, scientifici fatti, attualità e prospettive, concrete, per i nostri pazienti.

Chi volesse sapere qualcosa di più su Lorenzo Cohen, può collegarsi direttamente al sito dell’ MD Anderson e leggere da solo…

Chi invece volesse essere con noi e con lui a Firenze  può collegarsi al sito del CERFIT  www.cerfit.org e leggere il programma del seminario fiorentino …, venerdì 20 giugno 2014 ore 9.00.

Ah … dimenticavo, ampia possibilità di discussione e … ingresso libero!

Buona domenica

Fabio Firenzuoli

 

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali