24 ottobre 2019 ~ 0 Commenti

Mimose e Cannabis per le nostre donne.

mimosaGiornata felice oggi, per due volte festa, che dedico alle mie donne. Ebbene sì, una volta tanto diciamolo pure che abbiamo ben due motivi di contentezza. E quando mai potrà risuccedere…?

Primo motivo: TosCANNABIS

Così si chiama infatti il nostro progetto di ricerca presentato al Bando Ricerca Salute  2018 della Regione Toscana, progetto che  si è classificato al primo posto della graduatoria delle valutazioni dei progetti finanziabili. In sostanza abbiamo vinto questo bando nella linea di ricerca dedicata.  E lo abbiamo vinto con un progetto di ricerca clinica, nella fattispecie un clinical trial in doppio cieco contro placebo. E lo abbiamo vinto con un progetto che mette al primo posto la donna con tumore al seno, quindi una fascia importante di popolazione, che presenti dolori muscolari, anche invalidanti, da farmaci inibitori dell’aromatasi, che devono essere assunti per molti anni, ma che possono indurre pure l’abbandono della terapia se non tollerati. E, contrariamente all’opinione di molti, lo abbiamo vinto con un specifico progetto sulla Cannabis. Possiamo dire che, contro tutte le aspettative, siamo contenti. La graduatoria dei progetti finanziabili dal Bando Salute è stata appena pubblicata sul Bollettino Ufficiale, ed avremo tre anni a disposizione per condurre nel migliore dei modi questo progetto, caratterizzato da una metodologia rigorosa ed a un team di lavoro significativo, per la loro partecipazione nelle varie fasi del progetto con le loro specifiche competenze. Gruppo di lavoro che ringrazio fin d’ora costituito dal

  • CERFIT  AOUC (capofila), AOUC     (F. Firenzuoli, Principal investigator, e F. Sivelli)
  • CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE AOUC   (Rocco Domenico Mediati)
  • GINECOLOGIA ED OSTETRICIA  AOUC     (Angelamaria Becorpi)
  • RADIOTERAPIA AOUC, Firenze     (Lorenzo Livi, I Meattini
  • BREAST UNIT AOUC, Firenze        (Catia Angiolini)
  • SENOLOGIA ISPRO, Firenze       (B.Brancato, S.Catarzi, G.Picozzi)
  • AZIENDA USL TOSCANA CENTRO, Firenze     (Irene Ruffino, R Baronti)
  • UNIVERSITA’ DI FIRENZE      (Alfredo Vannacci, Roberto Bonaiuti, Eugenia Gallo)
  • ISTITUTO  SUPERIORE DI SANITA’, Roma  (P. Popoli, F Menniti Ippolito, R. Da Cas, M. Massari)
  • MD ANDERSON, HOUSTON (USA)    (Lorenzo Cohen)

Un ringraziamento particolare ai rispettivi Direttori Generali delle Aziende, delle Strutture e dei Dipartimenti di appartenenza,  ed un ringraziamento speciale alla dr.ssa Valentina Maggini (CERFIT, AOUC, Università degli Studi di Firenze) che, con pazienza, sapienza e tenacia ha lavorato al progetto nelle sue varie e complesse fasi di preparazione e scrittura. [Un particolare degno di nota: la Regione Toscana ha finanziato questo Bando di ricerca per complessivi 27 milioni di euro.  Grazie].

Questo progetto voglio dedicalo a tutte le “mie” donne oncologiche ed a tutte le loro sofferenze.

Il secondo motivo di felicità invece…

è molto più circoscritto e personale, legato al ricordo della mia laurea in medicina, esattamente oggi, 35 anni anni fa. E sono ancora doppiamente felice perchè questa la festeggerò con la mia famiglia. E questa ricorrenza voglio dedicarla invece alla donna della mia vita.

Mimose in anticipo.

Fabio Firenzuoli

 

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali