21 gennaio 2014 ~ 4 Commenti

Ribes nigrum, semplicemente sottovalutato…

OLYMPUS DIGITAL CAMERAQuante crostate di frutta e altri dolci si vedono guarniti con Ribes …! Si tratta di una pianta importante non solo in gastronomia, bensì anche in medicina naturale. Conosciuto e usato spesso come rimedio contro le allergie primaverili, in realtà del Ribes si utilizzano tutte le parti della pianta: dai frutti alle foglie, dalle gemme ai semi.

Spesso, molto spesso, i pazienti sono abituati ad assumere gli estratti ottenuti dalle gemme nella prevenzione e cura delle rino-congiuntiviti, così come nell’orticaria, dermatiti e asma bronchiale. E questo pur in assenza di conferme scientifiche. Non abbiamo infatti ancora a disposizione dati per poterne confermare l’ipotetico meccanismo d’azione.

Speciali estratti di Ribes trovano corretta e razionale indicazione in particolare nei casi di dermatiti ed eczemi, come la frazione degli acidi grassi poliinsaturi presenti nell’ olio estratto a freddo dai semi, e con il quale in realtà si possono facilmente allestire creme ed ovuli vaginali ad azione trofica su cute e mucose. Non sono noti effetti collaterali.

 

Da "I Colori della Salute" Tecniche Nuove Ed.

Da “I Colori della Salute” Tecniche Nuove Ed.

E forse sono proprio i frutti, quelli più conosciuti, ad essere anche i più ricchi di sostanze attive. Contengono infatti antocianosidi, del tutto simili a quelli presenti nei frutti del mirtillo o delle more, noti per esercitare una significativa protezione dell’endotelio dei capillari: polifenoli tutti caratterizzati dalla colorazione bluastra, violacea o rossa.

E, a onor del vero, proprio i frutti del Ribes ne rappresentano il contenitore più importante in natura, ben 400 mg su 100 g, più dei mirtilli e delle more, e addirittura 4 volte più che nell’uva nera. Caratteristica importante: si comportano da antiossidanti a protezione dell’apparato cardiovascolare e come sostanze che contrastano l’azione cancerogena di molte sostanze tossiche. Come molti altri polifenoli sperimentalmente presentano anche attività antinfiammatoria e antiaggregante piastrinica; migliorano, inoltre,la capacità visiva notturna. La loro assunzione è raccomandata in forma di frutti di bosco freschi, ma anche come estratti titolati in antocianine, presenti in integratori o in medicinali in relazione all’uso che se ne deve fare.

Un’ altra considerazione importante: i frutti del Ribes costituiscono il vegetale più indicato per i soggetti anemici, sono infatti i frutti più ricchi contemporaneamente in ferro e vitamina C, ecco perché siamo qui in primis a raccomandarne l’uso già in forma di macedonia.

Inoltre, una porzione giornaliera di frutti di bosco e ribes in particolare garantisce un’adeguata attività protettiva contro i radicali liberi dell’ossigeno per mantenersi in pieno benessere.

E… non male anche come uno dei migliori frutti antiinfluenzali !!!

Non ci credi ? Allora puoi anche andare a leggerti questi due articoli, peraltro recentissimi :

  • Ikuta K, Mizuta K, Suzutani T. Fukushima J Med Sci. 2013;59(1):35-8.
  • Ehrhardt C, et al. PLoS One. 2013 May 23;8(5)
icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali