04 maggio 2016 ~ 0 Commenti

Solanacee ai pazienti oncologici ? Mai dire mai…

morellaUna solanacea per i pazienti oncologici ? Sembrerebbe quasi di rompere un tabù… E’ presto per dirlo. Ma come diciamo da tempo “No ai talebani in medicina, da qualunque parte stiano”. E il dogma delle Solanceae (dal peperone ai pomodori, alle melanzane, ecc.),  oggi per alcuni proibite ai pazienti che hanno avuto un tumore o che stanno facendo chemioterapia, che sia destinato a infrangersi ? Del resto la medicina, o meglio la scienza, per definizione non può avere dogmi. Contraddizione in termini.

Ebbene …

Di recente stanno aumentando i lavori che ci dimostrano un interesse scientifico notevole proprio per l’ Erba morella (una solanacea cara non solo alla Medicina Tradizionale Cinese, ma apprezzata in passato anche da quella nostrana) proprio perché ha dimostrato, ancora in laboratorio,  di potenziare l’attività di alcuni chemioterapici  contro cellule di epatocarcinoma. Non bruscolini quindi …

In particolare lo studio ha dimostrato sperimentalmente un aumento della citotossicità del cisplatino e della doxorubicina su cellule maligna di origine umana. Intrigante il concetto di sinergia

E poi esistono già altre ricerche di base sull’attività antitumorale di questa pianta. Nuove interessanti quindi, anche se siamo solo agli inizi del processo di ricerca, ovvio. Ma questi son certo dati. Ci porteranno dove ? Lo vedremo nel tempo.

Intanto di certo sappiamo che il cancro del fegato è una delle malattie maligne più comuni in tutto il mondo, in particolare in Asia orientale e in Africa sub-sahariana, ma anche da noi… E il potenziale sviluppo di farmaci complementari per migliorare l’efficienza della chemioterapia o della gestione della qualità della vita dei pazienti con carcinoma epatico va ovviamente sostenuto comunque.

A noi solo dispiacerebbe, e  non poco,  che in futuro  si scoprisse che le proibizioni di oggi si rivelassero in realtà infondate, se non addirittura occasioni perdute …

E penso a quei pomodori, peperoni, patate  e melanzane  oggi proibiti ai nostri pazienti oncologici, e che magari tollerano bene, e ai quali magari pure piacciono…

Fabio Firenzuoli

 

Chissà…?

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali