18 dicembre 2016 ~ 0 Commenti

Zenzero, e non solo, per gravidanza e non solo…

gingerUn seminario aperto, su di un argomento ancora per certi versi chiuso: le erbe in gravidanza e allattamento. E ve ne voglio dare conto… Si è appena tenuto a Firenze, quello promosso dal nostro Master, a distanza di dieci anni dalla prima e unica comunicazione ministeriale sull’argomento (AIFA, 2005).

Un argomento dicevo ancora “chiuso” per la paura dei contenuti, per l’ignoranza relativa alla ricerca, per la reale carenza di ricerca consistente sulle molte piante utilizzate… ma oggi, a distanza di dieci anni, un argomento diventato “aperto”, aperto alla discussione scientifica, alla lettura, allo studio, all’ascolto, alla integrazione … ad esempio delle varie professionalità coinvolte (medici, tossicologi, ostetriche, erboristi, farmacisti…), all’ascolto delle esperienze che provengono dalla tradizione, all’analisi degli studi epidemiologici e dei i dati della ricerca clinica, sebbene ancora carente, ma presente e disponibile.

E abbiamo capito che:

1°: il contributo variegato di tutti  è solo da promuovere perché nella sua diversità può solo arricchire;

2°: la ricerca sta crescendo;

3°: ma soprattutto che non parliamo più, solo e soltanto, di erbe in gravidanza e allattamento, lasciando sottintendere che le erbe sono sostanzialmente solo rischiose o proibite, ma ora stiamo parlando di erbe per la gravidanza e l’allattamento… perché in alcuni casi sono permesse, in altri sono addirittura utili e vantaggiose, anche rispetto ai farmaci di sintesi. E pure tra loro ce ne sono di più “tranquille” e altre di meno, ancora sotto la lente di ingrandimento della ricerca.

Insomma alcune hanno la luce rossa dello stop, per altre la luce del verde del via libera, altre ancora quella gialla dello standby.

In dieci anni abbiamo fatto un passo in avanti, senza dubbio. E secondo noi è un passo di crescita non banale.

Ad esempio tra le erbe con luce verde, sicuramente abbiamo Malva, EchinaceaCamomilla ed altre ancora, ma fra tutte quella più emergente è risultata certamente lo Zenzero, utile e sicuro  contro nausea e vomito, probabilmente anche come galattogogo. Cresce la Silimarina, in standby ancora la Galega perché assenti sono le valutazioni sulla sua sicurezza nel lattante: passa o no nel latte la galegina ? e se passa è ben tollerata ? Queste sono le domande, semplici, cui la ricerca deve ancora rispondere, prima di valutarne, seriamente, l’efficacia.

E intanto noi abbiamo già pubblicato un resoconto sintetico ma aggiornato delle conoscenze sull’argomento.

E dunque: un seminario per fare il punto di carattere informativo l’abbiamo appena tenuto nel cuore della clinica ginecologica fiorentina (grazie al contributo significativo dei molti relatori intervenuti!!!), un modulo invece ad hoc di fitoterapia in ostetricia e ginecologia, lo terremo nel prossimo Master (Fitoterapia generale e clinica) che sta per iniziare. Anche per insegnare bene e non male come usare queste erbe nello specifico dei singoli disturbi o malattie, nella cura e nella prevenzione, da sole o insieme ad altre terapie o tecniche, … E se ne vuoi sapere di più scrivici pure…   fabio.firenzuoli@unifi.it

Buona domenica!

Fabio Firenzuoli

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali